Il ritorno del profeta. Vítejte (benvenuto) Zeman.

Il cuore è tornato a battere come un tempo. tra quelle rughe dense di storia, tra quelle trame semplici e chiare e sicure come un 4-3-3, tra quegli accenni di sorriso il boemo è tornato. Ieri sera non trovavo spazio, come tutti del resto, al cineteatro fellini. l’entusiasmo era strabordante. mi piace vedere che c’è entusiasmo in questa città. perché ne sono convinto. e pazienza se solo il calcio ha questa forza positiva per i foggiani. l’importante è che c’è. che c’è il calore giusto per riscaldarla questa città.
tornando a noi…zemanlandia riparte. ho poche parole da dedicare a zdeneck, o meglio non saprei da dove cominciare.
caro zeman, cacciato e rinnegato perché sincero, perché la verità pesa e pesava a tanti bianconeri e non. non c’è gea che tenga stavolta.

sei grande.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=utliTBRkgjU&feature=related]