Ero creativo, so social ma so content.

Chi sono? Cosa faccio? Perché sono credibile? Giorni fa mi è comparso davanti un modello di personal branding canvas. Io che le canvas le faccio solo per i brand e non mi fermo mai neanche a controllare se ho i capelli a posto. Io che spesso “ma tu che fai di preciso?”, “tu sei quello dei social”.

#erocreativo è stato l’hashtag che mi sono portato dietro quando decisi di dimettermi dall’agenzia di comunicazione classica in cui lavoravo. Più di 7 anni in cui ho imparato tanto, sul campo. Volevo fare il pubblicitario già dalle scuole medie. Avevo il mito dei famosi e fumosi uffici di Madison Avenue. Poi Jacques Séguéla e Lorenzo Marini.

#sosocial è stato l’hashtag della svolta. Capire che il copywriting dovesse seguire il web marketing come naturale evoluzione. E dovevo capire, studiare e prendere l’onda. Passare dall’advertising classico al web marketing è stata una sfida fantastica. Io che con i numeri non ho mai avuto questo gran rapporto, mi ritrovavo in un mondo misurabile. Non c’era più spazio per il gesto creativo fine a se stesso. Se fai una rabona ma la fai senza avversari che ti pressano è una rabona inutile. Ogni azione è misurabile; se è misurabile è migliorabile. (come dice il mio amicosociocollega Fabrizio Giornet)

#socontent è l’hashtag definitivo. Quel personal branding canvas é arrivato nel momento giusto. Non è un caso che sia stato proprio il mio caro amico Cristiano Carriero a farmi guardare allo specchio. Questione di affinità e coincidenze inspiegabili. Proprio lui che ci ha scritto un libro sul content marketing. Io non sono solo l’uomo dei social. Io studio le persone, le personas, e le strategie più efficaci per farle innamorare del tuo brand. I contenuti sono video, immagini e parole. Come una canzone è musica e parole. Come un Mogol e Battisti messi insieme. I contenuti sono in un e-commerce, in un sito, in un blog e nei social network. Quei contenuti, insieme a tante altre cose, devono portarti un aumento di fatturato.

[ecko_contrast]E ti voglio regalare il primo più grande consiglio per far funzionare le cose. Le persone a cui ti rivolgi le devi amare veramente. [/ecko_contrast]

Ora voglio concentrare il mio focus su Manjoo, la piattaforma che aiuterà le persone a cucinare e mangiare meglio e su TTLV (Tutta la Verità sul Web Marketing), il corso che salva gli imprenditori dai ciarlatani del web e dai vari social media fuffa.

Avrò sempre altri clienti, non più di 3, studierò sempre e non è detto che #socontent sarà l’hashtag definitivo. Magari dall’anno prossimo tornerà in auge l’asterisco * così bistrattato in quest’ultimo periodo.